Grande punto Gpl in ebollizione

Grande punto Gpl in ebollizione

Il simpatico caso descritto oggi, è uno di quei problemi nel quale chiunque di noi si potrebbe trovare ad avere di fronte in questi anni, un caso facilmente risolvibile prima dell’avvento di massa del Gpl degli ultimi anni.


 

image

La storia potrebbe essere quella vista da ognuno di noi meccanici “popolari” quelli che si trovano ad avere a che fare con la classica punto che in una splendida giornata di inizio estate (quindi le temperature esterne iniziano a salire…..), arriva in officina con l’acqua in ebollizione e una gran puzza di bruciato. Fatti i soliti controlli, termostato, spurghi, tentativi vari, il nostro ben amato FIRE, va ancora in ebollizione. Ultima e ben temuta prova( di solito dai clienti, al contrario i meccanici ci sperano…..) , togliere la candela del primo cilindro, che puntualmente sarà “lavata”. Guarnizione della testa andata.

Smontata la testa, rettificata, ( i più bravi riescono a fare anche le valvole…) si rimonta il tutto, ormai dopo 30 anni di FIRE con una dimestichezza da far invidia alla nonna che fa la polenta. Certi che il nostro problema Grande punto Gpl in ebollizione sia ormai risolto, rimettiamo in moto, logicamente a benzina, e tutto funziona perfettamente; usciamo per un test su strada e già che ci siamo proviamo anche la macchina a gas…… dopo poco, la macchina va ancora in ebollizione. Rientro veloce in officina e si ricomincia a controllare il tutto, che logicamente sembra ok. Arrivati a questo punto bisogna prendere una decisione sul da farsi, elencherò le più “ingegnose” ma comunque possibili sentite e (purtroppo) messe in pratica da colleghi, ” cambiare il radiatore che sarà intasato” , “smontare il cruscotto per sostituite il radiatore riscaldamento perché tutto il resto era a posto”,”sicuramente la testa è crepata allora la cambio”, per arrivare infine al ” monoblocco crepato quindi ho cambiato il motore”.

Sicuramente sto facendo un po’ di ironia, ma mi rendo comunque conto che una Grande punto Gpl in ebollizione ( o qualunque auto con impianto Gpl) potrebbe arrivare da noi; il mio consiglio è semplicemente nel caso vi trovaste dopo aver cambiato una guarnizione testa, ad avere ancora la macchina in ebollizione, di provare ad escludere il circuito acqua del riduttore di pressione semplicemente staccando i due tubi acqua e collegandoli con un due vie. Capita sovente che le membrane del riduttore si possano crepare, pompando così Gpl nel circuito del liquido refrigerante, così facendo nel giro di pochi minuti il gas sarà in quantità notevoli nel circuito di raffreddamento, mandando in poco tempo la macchina in ebollizione .

Precedente C4 Picasso anomalia sospensioni Successivo Kia Soul Gpl passa a benzina